venerdì, marzo 02, 2018

Algeria, altre due chiese chiuse, altre minacciate

Algeria: altre due chiese chiuse, altre minacciate

Condividere. 1 marzo 2018 da World Watch Monitor Algeria Aïn Turk, Algeria, Chiese, Kabylie, Maghreb, Nord Africa, Orano, Proselitismo, Chiesa protestante d'Algeria, Libertà religiosa, Tizi Ouzou

Ouadiya Methodist Church Algeria, maggio 2008

Dal 25 dicembre, 25 delle 45 chiese affiliate al principale corpo protestante della Chiesa in Algeria sono state visitate da una commissione di funzionari del Ministero degli affari religiosi, della gendarmeria nazionale, del dipartimento dell'intelligence e dei vigili del fuoco (World Watch Monitor)

Le autorità locali nella città nord-occidentale di Oran, in Algeria, hanno chiuso altre due chiese tra la crescente pressione sui cristiani nel paese del Maghreb.

Le due chiese - L'Oratoire (L'Oratorio) nel centro di Oran e una chiesa del villaggio a Layayda (a circa 40 km da Oran) - sono state sigillate dalla polizia martedì 27 febbraio.

La notifica della polizia affermava che le chiese non avevano l'approvazione statale. La decisione non è la prima del suo genere ad Orano.

Il 9 novembre 2017 è stata chiusa anche un'altra chiesa nella città di Aïn Turk (a 15 km da Oran). Le autorità hanno affermato che la chiesa era stata usata per "stampare illegalmente vangeli e pubblicazioni destinati all'evangelismo".

Dal 25 dicembre, 25 delle 45 chiese affiliate al principale corpo protestante della Chiesa in Algeria - la Chiesa protestante algerina (nota come EPA, il suo acronimo francese) - sono state visitate da una commissione di funzionari del Ministero degli affari religiosi, nazionale gendarmeria, dipartimento dell'intelligence e vigili del fuoco.

Le chiese sono state informate che le visite erano finalizzate a verificare la conformità con le norme di sicurezza e hanno ricevuto un preavviso di tre mesi.

Sono stati anche invitati a chiedere il permesso al Ministero degli affari religiosi.

Il 21 febbraio due chiese (tra le 25 che hanno ricevuto le notifiche) nella città di Tizi Ouzou, nella provincia orientale di Kabylie, hanno chiesto "di cessare immediatamente tutte le attività religiose".

I dirigenti dell'EPA hanno definito le chiusure "ingiustificabili". Hanno notato che tutte le chiese colpite sono affiliate all'EPA, che è stata ufficialmente riconosciuta dal governo dal 1974.

Sabato 24 febbraio l'APE ha chiesto una settimana di preghiera e digiuno per la nazione. Alla luce della crescente pressione, l'Alleanza evangelica mondiale ha anche invitato il governo algerino "a garantire che la libertà religiosa dei cristiani sia salvaguardata in conformità con il diritto internazionale".

Godfrey Yogarajah, vicesegretario generale della WEA e capo della Commissione per la libertà religiosa, ha aggiunto: "Chiediamo anche al governo, in linea con la costituzione del paese, di prendere tutte le misure necessarie per garantire la libertà di culto per tutti i gruppi religiosi nel paese."

Crescente pressione

Altre forme di restrizione sono state riportate anche nelle ultime settimane in Algeria.

Il 13 dicembre 2017, un cristiano francese, residente ad Orano per diversi anni, è stato negato il rientro nel paese.

Il pastore Louis Martinez, sulla sessantina, è affiliato alla Chiesa riformata francese. Lui e sua moglie avevano gestito una scuola privata di francese.

Secondo il gruppo di difesa cristiana Middle East Concern, il pastore Martinez è stato fermato all'aeroporto di Oran e ha chiesto di presentare il suo permesso di soggiorno, che era stato rilasciato di recente ed era valido per dieci anni, e poi ha informato che doveva lasciare l'Algeria.

Le autorità non hanno fornito alcun motivo per la sua deportazione, ha detto il MEC. La moglie è stata in seguito in grado di sistemare la famiglia e gli affari in Algeria e recentemente ha lasciato il paese.

************

Algeria: two more churches closed, others threatened

Share. March 1, 2018 By World Watch Monitor Algeria Aïn Turk, Algeria, Churches, Kabylie, Maghreb, North Africa, Oran, Proselytism, Protestant Church of Algeria, Religious freedom, Tizi Ouzou

Ouadiya Methodist Church Algeria May 2008

Since December, 25 out of the 45 churches affiliated to the main Protestant Church body in Algeria have been visited by a committee of officials from the Ministry of Religious Affairs, national gendarmerie, intelligence department and fire brigade (World Watch Monitor)

Local authorities in Algeria’s north-western city of Oran have closed two more churches amidst growing pressure on Christians in the Maghreb country.

The two churches – L’Oratoire (The Oratory) in Oran’s city centre, and a village church in Layayda (about 40km from Oran) – were sealed off by police on Tuesday, 27 February.

The police notification stated that the churches didn’t have state approval. The decision is not the first of its kind in Oran.

On 9 November 2017, another church in the town of Aïn Turk (15km from Oran) was also closed. The authorities claimed the church had been used to “illegally print Gospels and publications intended for evangelism”.

Since December, 25 out of the 45 churches affiliated to the main Protestant Church body in Algeria – the Protestant Church of Algeria (known as EPA, its French acronym) – have been visited by a committee of officials from the Ministry of Religious Affairs, national gendarmerie, intelligence department and fire brigade.

The churches were informed that the visits were aimed at checking compliance with safety regulations, and they were given three months’ notice.

They were also advised to seek permission from the Ministry of Religious Affairs.

On 21 February two churches (among the 25 which received notifications) in the city of Tizi Ouzou, in the eastern province of Kabylie, were asked “to cease all religious activities immediately”.

EPA leaders called the closures “unjustifiable”. They noted that all the affected churches are affiliated with the EPA, which has been officially recognised by the government since 1974.

On Saturday 24 February the EPA called for a week of prayer and fasting for the nation. In light of the increasing pressure, the World Evangelical Alliance has also called on the Algerian government “to ensure that the religious freedom of Christians is safeguarded in accordance with international law”.

Godfrey Yogarajah, Deputy Secretary-General of the WEA and head of its Religious Liberty Commission, added: “We also call on the government, in keeping with the country’s constitution, to take all steps necessary to guarantee the freedom of worship for all religious groups in the country.”

Growing pressure

Other forms of restriction have been also reported in recent weeks in Algeria.

On 13 December 2017, a French Christian, resident in Oran for several years, was denied re-entry to the country.

Pastor Louis Martinez, in his sixties, is affiliated with the French Reformed Church. He and his wife had been running a private French-language school.

According to Christian advocacy group Middle East Concern, Pastor Martinez was stopped at Oran Airport and asked to submit his residency permit, which had been recently issued and was valid for ten years, and then informed he must leave Algeria.

The authorities gave no reason for his deportation, MEC said. His wife was subsequently able to settle their family and business affairs in Algeria and has recently also left the country.

==============

===================

Malaysian Federal Court refuses four people their right to affirm Christian identity

Share

February 27, 2018 By Matt K. George Malaysia Apostasy, Converts, Divorce, Islam, Kuching, Malaysia, Marriage, Religious freedom, Sarawak, Sharia

Malaysia’s Federal Court is housed in the Palace of Justice in Putrajaya, Malaysia

Malaysia’s highest court dismissed an appeal today (27 February) against four appellants who wanted to be formally recognised as Christians.

The five judges of the Malaysian Federal Court ruled that in matters of conversion away from Islam, it was necessary for them to consult the Islamic Sharia courts.

The president of the court, Tan Sri Zulkefli Ahmad Makinudin, said the decision was unanimous.

He added that even though there are no specific provisions in the Sharia ordinance over conversions out of Islam, the religious court still has legal authority on what he termed “apostasy”.

Raucous, unruly scenes and shouts of “Allahu akbar” (“Allah is the greatest”) greeted the decision as a mob surrounded the Catholic Archbishop of Kuching, Simon Peter Poh, outside the court complex. He was jostled while being escorted to his car amid fears that he might be assaulted.

Three of the appellants had previously converted from Christianity to Islam when they married Malay-Muslim spouses, but now want to affirm their Christian identity again. The fourth is a Malay-Muslim who embraced the Christian faith and was baptised in 2009.

The Federal Court, sitting in Kuching, the capital of Sarawak state, yesterday (26 February) heard the joint appeal of the four appellants who want their conversions legally recognised. The judges then adjourned their decision to today.

The lawyer for the appellants, Baru Bian, an opposition politician and a campaigner for the customary rights of indigenous Malaysians, many of whom are Christian, had been optimistic that the judges would base their decision on the substance of the country’s civil law.

He said the argument of the state was that Sarawak Shariah Court Ordinance 2001 “has provisions on conversion into Islam”. Since there is no provision for those who want to leave the faith, he argued that the civil court should have jurisdiction.

Three of the appellants – Mohamed Syafiq Abdullah, who has taken the name Tiong Choo Ting; Jenny Peter, who was formerly Nur Muzdhalifah Abdullah; and Salina Jau Abdullah – converted to Islam in order to marry Muslims. All four were asking the Federal Court to have their names and their faith changed on their national identity cards.

In 2006 Jenny Peter divorced her Muslim husband and re-embraced Christianity. The Muslim husband of Salina Jau divorced her in 1992, and she too returned to Christianity. In the case of Tiong Choo Ting, he began to practise Christianity after his Muslim wife died in 2007.

The fourth appellant, Syarifah Nooraffyza Wan Hosen, is ethnic Malay and was raised as a Muslim. In her declaration she said she no longer practises Islam and was baptised in 2009. She wants her identity card to record her new faith and a new name, Vanessa Elizabeth.

According to local media, all four were required to undergo counselling for renouncing the Muslim faith. But they have remained adamant they want to renounce Islam, and have signed statutory declarations expressing this desire.

All four remain Muslims as far as official documentation is concerned.

Critics accused the court of failing to understand its powers to rule on an individual’s choice of religion. “It means that freedom of religion, which is a constitutional right and a matter for the civil court, is sub

**************

Algeria: altre due chiese chiuse, altre minacciate

Condividere. 1 marzo 2018 da World Watch Monitor Algeria Aïn Turk, Algeria, Chiese, Kabylie, Maghreb, Nord Africa, Orano, Proselitismo, Chiesa protestante d'Algeria, Libertà religiosa, Tizi Ouzou

Ouadiya Methodist Church Algeria, maggio 2008

Dal 25 dicembre, 25 delle 45 chiese affiliate al principale corpo protestante della Chiesa in Algeria sono state visitate da una commissione di funzionari del Ministero degli affari religiosi, della gendarmeria nazionale, del dipartimento dell'intelligence e dei vigili del fuoco (World Watch Monitor)

Le autorità locali nella città nord-occidentale di Oran, in Algeria, hanno chiuso altre due chiese tra la crescente pressione sui cristiani nel paese del Maghreb.

Le due chiese - L'Oratoire (L'Oratorio) nel centro di Oran e una chiesa del villaggio a Layayda (a circa 40 km da Oran) - sono state sigillate dalla polizia martedì 27 febbraio.

La notifica della polizia affermava che le chiese non avevano l'approvazione statale. La decisione non è la prima del suo genere ad Orano.

Il 9 novembre 2017 è stata chiusa anche un'altra chiesa nella città di Aïn Turk (a 15 km da Oran). Le autorità hanno affermato che la chiesa era stata usata per "stampare illegalmente vangeli e pubblicazioni destinati all'evangelismo".

Dal 25 dicembre, 25 delle 45 chiese affiliate al principale corpo protestante della Chiesa in Algeria - la Chiesa protestante algerina (nota come EPA, il suo acronimo francese) - sono state visitate da una commissione di funzionari del Ministero degli affari religiosi, nazionale gendarmeria, dipartimento dell'intelligence e vigili del fuoco.

Le chiese sono state informate che le visite erano finalizzate a verificare la conformità con le norme di sicurezza e hanno ricevuto un preavviso di tre mesi.

Sono stati anche invitati a chiedere il permesso al Ministero degli affari religiosi.

Il 21 febbraio due chiese (tra le 25 che hanno ricevuto le notifiche) nella città di Tizi Ouzou, nella provincia orientale di Kabylie, hanno chiesto "di cessare immediatamente tutte le attività religiose".

I dirigenti dell'EPA hanno definito le chiusure "ingiustificabili". Hanno notato che tutte le chiese colpite sono affiliate all'EPA, che è stata ufficialmente riconosciuta dal governo dal 1974.

Sabato 24 febbraio l'APE ha chiesto una settimana di preghiera e digiuno per la nazione. Alla luce della Corte federale di Malta, quattro persone hanno il diritto di affermare l'identità cristiana

Condividere

27 febbraio 2018 di Matt K. George Malaysia Apostasia, convertiti, divorzio, islam, Kuching, Malesia, matrimonio, libertà religiosa, Sarawak, Sharia

La corte federale della Malesia è ospitata nel Palazzo di Giustizia di Putrajaya, in Malesia

La più alta corte della Malaysia ha respinto oggi un ricorso (27 febbraio) contro quattro ricorrenti che volevano essere riconosciuti formalmente come cristiani.

I cinque giudici della Corte federale malese hanno stabilito che in materia di conversione dall'islam, era necessario per loro consultare i tribunali della Sharia islamica.

Il presidente della corte, Tan Sri Zulkefli Ahmad Makinudin, ha detto che la decisione è stata presa all'unanimità.

Ha aggiunto che anche se non ci sono disposizioni specifiche nell'ordinanza della Sharia sulle conversioni dall'Islam, la corte religiosa ha ancora autorità legale su ciò che ha definito "apostasia".

Scene rauche e ribelli e grida di "Allahu akbar" ("Allah è il più grande") hanno salutato la decisione come una folla circondata dall'arcivescovo cattolico di Kuching, Simon Peter Poh, fuori dal complesso della corte. È stato spintonato mentre veniva scortato verso la sua auto tra le paure di poter essere aggredito.

Tre degli appellanti si erano precedentemente convertiti dal cristianesimo all'islam quando hanno sposato i coniugi malesi-musulmani, ma ora vogliono riaffermare la loro identità cristiana. Il quarto è un musulmano malese che abbracciò la fede cristiana e fu battezzato nel 2009.

Il Tribunale federale, seduto a Kuching, capitale dello stato del Sarawak, ieri (26 febbraio) ha ascoltato l'appello congiunto dei quattro ricorrenti che vogliono che le loro conversioni siano riconosciute legalmente. I giudici hanno quindi rinviato la loro decisione a oggi.

L'avvocato per i ricorrenti, Baru Bian, un politico di opposizione e un attivista per i diritti consuetudinari dei malesi indigeni, molti dei quali cristiani, era stato ottimista sul fatto che i giudici avrebbero basato la loro decisione sulla sostanza della legge civile del paese.

Ha detto che l'argomento dello stato era che l'ordinanza del 2001 della Sarajak Shariah "ha disposizioni sulla conversione in Islam". Poiché non vi è alcuna disposizione per coloro che vogliono lasciare la fede, ha sostenuto che il tribunale civile dovrebbe avere giurisdizione.

Tre degli appellanti - Mohamed Syafiq Abdullah, che ha preso il nome di Tiong Choo Ting; Jenny Peter, che era precedentemente Nur Muzdhalifah Abdullah; e Salina Jau Abdullah - convertita all'Islam per sposare musulmani. Tutti e quattro chiedevano alla Corte federale di far cambiare il nome e la fede sulle loro carte d'identità nazionali.

Nel 2006 Jenny Peter ha divorziato dal marito musulmano e ha riabbracciato il cristianesimo. Il marito musulmano di Salina Jau l'ha divorziata nel 1992, e anche lei è tornata al cristianesimo. Nel caso di Tiong Choo Ting,
===================

=========================

==============================

servient to Islamic laws,” one Christian human-rights campaigner said.

Some social-media users said they felt disappointed by the Federal Court’s decision. Some even nicknamed the case the Sharia Court’s “Hotel California” clause, recalling the 1970s song by The Eagles about a hotel you could check into but never leave.

Islam is considered intrinsic to the identity of Malaysia’s majority Malay people, and under Sharia (Islamic law), renouncing Islam is viewed as apostasy, a crime, although liberal Muslim theologians argue that conversion is a matter for the individual. Many of the country’s sizeable Buddhist, Christian and Hindu populations are of non-Malay heritage.

In recent decades Islamists have become increasingly vocal in their demands that Malaysia be governed as a Muslim state, and analysts say the spread of a more conservative interpretation of Islam lies behind the rise in attacks on churches and church leaders.

At the same time, civil courts have handed jurisdiction over Islamic religious matters to the Sharia court system and at times taken a policy of non-interference between the two courts. This has left people wishing to leave Islam in legal limbo.

According to Malaysia’s constitution, the country is a secular state with Islam as its main religion. However, Islamists refute this, saying that the colonial-era charter of rights is no longer valid, and they demand the precedence of religious law.

Pakistan blasphemy suspect says he jumped from fourth floor to escape forced sex act

Share

February 26, 2018 By Asif Aqeel Pakistan Blasphemy, Facebook, Lahore, Pakistan, Patras Masih, Police, Sajid Masih, Torture

suffered multiple fractures after jumping on Friday (World Watch Monitor)

Pastor Emmanuel Khokhar prays for Sajid Masih, who suffered multiple fractures after jumping from a fourth-floor window (World Watch Monitor)

A suspect in a blasphemy case in Lahore, Pakistan, claims he was tortured by police and jumped from a fourth floor window to avoid being forced by officers to perform oral sex on his cousin, who is also under investigation.

Sajid Masih, 24, suffered multiple fractures after jumping on Friday, 23 February, from the building where he was being investigated. He claims he had been beaten, kicked and hit with an electrical cable, then was forced to remove his cousin’s trousers and ordered to perform a sex act on his cousin, 20-year-old Patras Masih.

However local police and the Pakistani cybercrime investigation agency both offered different explanations for his action and injuries. Small protests were organised by civil society organisations today (26 February) to condemn his alleged mistreatment. Interior Minister Ahsan Iqbal has ordered an official inquiry.

Last week World Watch Monitor reported that 800 families were on the run after Patras Masih was accused of using his phone to post a blasphemous picture in a Facebook group. He surrendered to the police on 19 February in his Christian neighbourhood in a northern suburb of Lahore, and was handed by the court to the cybercrime wing of the Federal Investigation Agency (FIA).

servitore delle leggi islamiche ", ha detto un attivista cristiano per i diritti umani.

Alcuni utenti di social media hanno dichiarato di sentirsi delusi dalla decisione della Corte federale. Alcuni hanno persino soprannominato il caso la clausola "Hotel California" della Sharia Court, ricordando la canzone degli anni '70 dei The Eagles su un hotel in cui potevi fare il check-in, ma non andartene mai.

L'Islam è considerato intrinseco all'identità della maggioranza malese della Malesia, e sotto la Sharia (legge islamica), la rinuncia all'Islam è vista come un'apostasia, un crimine, anche se i teologi musulmani liberali sostengono che la conversione è una questione per l'individuo. Molte delle grandi popolazioni buddiste, cristiane e indù del paese sono di origine non malese.

Negli ultimi decenni gli islamisti sono diventati sempre più espliciti nelle loro richieste che la Malesia sia governata come uno stato musulmano, e gli analisti sostengono che la diffusione di un'interpretazione più conservatrice dell'Islam si trova dietro l'aumento degli attacchi alle chiese e ai leader della chiesa.

Allo stesso tempo, i tribunali civili hanno consegnato la giurisdizione sulle questioni religiose islamiche al sistema giudiziario della Sharia e, a volte, hanno adottato una politica di non interferenza tra i due tribunali. Questo ha lasciato persone che desiderano lasciare l'Islam in un limbo legale.

Secondo la costituzione della Malaysia, il paese è uno stato laico con l'Islam come religione principale. Tuttavia, gli islamisti lo confutano, affermando che la carta dei diritti dell'era coloniale non è più valida e richiedono la precedenza della legge religiosa.

Il sospetto di blasfemia in Pakistan dice di essere saltato dal quarto piano per sfuggire all'atto sessuale forzato

Condividere

26 febbraio 2018 Asif Aqeel Pakistan Blasfemia, Facebook, Lahore, Pakistan, Patras Masih, Polizia, Sajid Masih, Tortura

ha subito fratture multiple dopo aver saltato il venerdì (World Watch Monitor)

Il pastore Emmanuel Khokhar prega per Sajid Masih, che ha subito fratture multiple dopo aver saltato da una finestra del quarto piano (World Watch Monitor)

Un sospetto in un caso di blasfemia a Lahore, in Pakistan, sostiene di essere stato torturato dalla polizia e di aver saltato da una finestra del quarto piano per evitare di essere costretto dagli agenti a fare sesso orale con suo cugino, anch'egli indagato.

Sajid Masih, 24 anni, ha sofferto di fratture multiple dopo aver saltato venerdì 23 febbraio dall'edificio in cui era stato indagato. Sostiene di essere stato picchiato, preso a calci e colpito con un cavo elettrico, quindi è stato costretto a togliere i pantaloni di suo cugino e ha ordinato di compiere un atto sessuale contro suo cugino, il ventenne Patras Masih.

Tuttavia, la polizia locale e l'agenzia investigativa del crimine informatico pakistano hanno offerto spiegazioni diverse per la sua azione e le sue ferite. Piccole proteste sono state organizzate oggi dalle organizzazioni della società civile (26 febbraio) per condannare i suoi presunti maltrattamenti. Il ministro degli interni Ahsan Iqbal ha ordinato un'inchiesta ufficiale.

La scorsa settimana World Watch Monitor ha riferito che 800 famiglie erano in fuga dopo che Patras Masih è stato accusato di usare il suo telefono per pubblicare un'immagine blasfema in un gruppo su Facebook. Si è arreso alla polizia il 19 febbraio nel suo quartiere cristiano, nel sobborgo settentrionale di Lahore, ed è stato consegnato dal tribunale all'ala del cybercrime della Federal Investigation Agency (FIA).
Four days later, on 23 February, his cousin Sajid, a janitor in a local college in Lahore, was summoned by the FIA office in Lahore. “They had called me to come and get [Patras’] cell phone checked. I went myself to the office where Patras was also present,” Sajid told World Watch Monitor after regaining consciousness the next day, Saturday 24 February. He was interviewed on video in the presence of two local church leaders, Emmanuel Khokhar and Niamat Bhatti.

“They beat me with fists and kicks and then with a computer electrical cable,” Sajid continued. “I asked them why they were beating me. They said my fault was that I was Patras’ cousin. Then they told me to call myself and Patras ‘accursed’, which I did. Then they ordered me to take Patras’ [trousers] off and [perform oral sex on] him, but I refused, saying that he was my [cousin] and I couldn’t. Then they started yelling at him, at which I ran to the window.

“Finding no other way, I jumped from the window – and then did not know anything,” he added.

Sajid was placed on a stretcher and taken to hospital, but was moved to another hospital later that evening. The FIA Inspector investigating the case, Khalid Saeed, lodged a criminal case against Sajid the following day for attempting to commit suicide, a crime punishable with one year’s imprisonment and a fine.

According to the criminal report lodged against him in the Civil Lines Police Station, “During the investigation, Sajid was questioned in the presence of Patras Masih regarding the blasphemous pictures of Prophet Muhammad’s (Peace Be Upon Him) grave. The forensic expert took his cell phone and asked for Facebook ID and its password. On this, Sajid became terrified and apologised, saying he had deleted the controversial page and the blasphemous pictures. Fearful of recovery of the pictures, Sajid jumped off the window and fell on a car [bonnet].”

“We are outraged, shocked and horrified by the alleged behaviour of the FIA Cybercrime Wing officials. We demand that this incident be investigated at the earliest, and firm action be taken against the officials involved.”

Michelle Chaudhry

The FIA Deputy Director Khawaja Hamad told BBC Urdu that Patras Masih was beaten up on the court premises by complainants when he was presented there on 23 February. He told the BBC that a request had been sent to Facebook to provide information about the group in which the blasphemous picture was posted.

“During [the] investigation, Patras mentioned about Sajid, after which he was asked to join [the] investigation. Patras was being interrogated; he first threw his cell phone from the window and then hung outside the window to threaten us. Then his hand slipped and he fell,” Hamad said.

Human rights lawyer Asad Jamal told World Watch Monitor that the information recorded in the criminal report and the statement by FIA Deputy Director did not corroborate. “It would remain difficult for the agency to explain there was no torture involved in this instance,” Jamal said.

Such treatment is clearly in violation of the United Nations’ Convention against Torture and Other Cruel, Inhuman or Degrading Treatment or Punishment, he added.

“He is seriously injured and the manner in which he has sustained injuries could have led to his immediate death; further, if his physical condition doesn’t improve for some reason he may still be at the risk of losing life,” he said.

Sajid Masih says he was beaten and then ordered to perform a sex act on his cousin (World Watch Monitor)

Michelle Chaudhry, president of the Cecil & Iris Chaudhry Foundation, which advocates for Pakistani minorities, said in a statement: “We are outraged, shocked and horrified by the alleged behaviour of the FIA Cybercrime Wing officials. We demand that this incident be investigated at the earliest, and firm action be taken against the officials involved.”

She continued: “A fair trial is every citizen’s right regardless of faith, caste or gender … We demand that the Government look into this on priority and fulfil its responsibility to protect the life and dignity of every single Pakistani.”

Quattro giorni dopo, il 23 febbraio, suo cugino Sajid, un bidello in un college locale a Lahore, è stato convocato dall'ufficio della FIA a Lahore. "Mi avevano chiamato per venire a controllare il cellulare di [Patras]. Mi sono recato nello studio in cui era presente anche Patras ", ha detto Sajid al World Watch Monitor dopo aver ripreso conoscenza il giorno successivo, sabato 24 febbraio. È stato intervistato in video alla presenza di due leader della chiesa locale, Emmanuel Khokhar e Niamat Bhatti.

"Mi hanno battuto con pugni e calci e poi con un cavo elettrico per computer", ha continuato Sajid. "Ho chiesto loro perché mi stavano picchiando. Dissero che la mia colpa era che ero il cugino di Patrasso. Poi mi hanno detto di chiamare me stesso e Patras "maledetto", cosa che ho fatto. Poi mi ordinarono di togliere i [pantaloni] di Patras e di [fare sesso orale su di lui], ma io rifiutai, dicendo che era mio cugino e che non potevo. Poi hanno iniziato a urlargli contro, al che sono corso alla finestra.

"Non trovando altro modo, sono saltato dalla finestra - e poi non sapevo nulla", ha aggiunto.

Sajid è stato messo su una barella e portato in ospedale, ma è stato trasferito in un altro ospedale più tardi quella sera. L'ispettore della FIA che indagava sul caso, Khalid Saeed, ha presentato una causa penale contro Sajid il giorno seguente per tentare di suicidarsi, un crimine punibile con un anno di reclusione e una multa.

Secondo il rapporto criminale presentato contro di lui nella stazione di polizia delle linee civili, "Durante l'inchiesta, Sajid è stato interrogato alla presenza di Patras Masih riguardo alle immagini blasfeme della tomba del Profeta Muhammad (Peace Be Upon Him). L'esperto di medicina legale ha preso il suo cellulare e ha chiesto l'ID di Facebook e la sua password. Su questo, Sajid divenne terrorizzato e si scusò, dicendo che aveva cancellato la pagina controversa e le immagini blasfeme. Spaventato dal recupero delle foto, Sajid è saltato giù dalla finestra e si è schiantato su una macchina [cofano]. "

"Siamo indignati, scioccati e inorriditi dal presunto comportamento dei funzionari della FIA Cybercrime Wing. Chiediamo che questo incidente sia investigato al più presto e che venga presa una ferma azione contro i funzionari coinvolti ".

Michelle Chaudhry

Il vice direttore della FIA Khawaja Hamad ha detto alla BBC Urdu che Patras Masih è stato picchiato nei locali del tribunale dai ricorrenti quando è stato presentato lì il 23 febbraio. Ha detto alla BBC che una richiesta è stata inviata a Facebook per fornire informazioni sul gruppo in cui è stata pubblicata l'immagine blasfema.

"Durante [l'] inchiesta, Patras parlò di Sajid, dopo di che gli fu chiesto di unirsi alle [indagini]. Patras era stato interrogato; per prima cosa ha gettato il suo cellulare dalla finestra e poi è appeso fuori dalla finestra per minacciarci. Poi la sua mano scivolò e cadde ", ha detto Hamad.

L'avvocato per i diritti umani Asad Jamal ha dichiarato a World Watch Monitor che le informazioni riportate nel rapporto criminale e la dichiarazione del vicedirettore della FIA non sono state confermate. "Sarebbe difficile per l'agenzia spiegare che non c'erano torture coinvolte in questo caso", ha detto Jamal.

Tale trattamento è chiaramente in violazione della Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti, ha aggiunto.

"È gravemente ferito e il modo in cui ha subito lesioni potrebbe aver portato alla sua morte immediata; inoltre, se le sue condizioni fisiche non migliorano per qualche motivo, potrebbe comunque correre il rischio di perdere punti vita ", ha affermato.

Sajid Masih dice che è stato picchiato e poi ha ordinato di fare un atto sessuale a suo cugino (World Watch Monitor)

Sajid Masih dice che è stato picchiato e poi ha ordinato di fare un atto sessuale a suo cugino (World Watch Monitor)

Michelle Chaudhry, presidente della Cecil & Iris Chaudhry Foundation, che difende le minoranze pakistane, ha dichiarato in una dichiarazione: "Siamo indignati, scioccati e inorriditi dal presunto comportamento dei funzionari della FIA Cybercrime Wing. Chiediamo che questo incidente sia investigato al più presto e che venga presa una ferma azione contro i funzionari coinvolti ".

Ha proseguito: "Un processo equo è un diritto di ogni cittadino, indipendentemente dalla fede, dalla casta o dal genere ... Chiediamo che il governo consideri questo aspetto prioritario e adempi la sua responsabilità di proteggere la vita e la dignità di ogni singolo pakistano".
Human rights activist Khalid Shahzad, who lives in the same area as Sajid, the Dhair neighbourhood in Shahdara, told World Watch Monitor that such investigating agencies sometimes used harsh techniques to blackmail suspects regardless of their religion.

Shahzad added that the social-media group to which Patras and Sajid belonged “had 16 members but only Christians of the group are being interrogated”.

The situation in Dhair remains tense, although most of the 800 families who fled last week for fear of violence have returned. Safaniya Masih, who runs the nearby Brethren’s Church, told World Watch Monitor that their two congregations were able to meet yesterday [Sunday] for services.

Irfan Mufti, Deputy Director of a civil society movement named South Asia Partnership, told World Watch Monitor: “It is very important that the government intervene and ensure the safety and security of Sajid, because most of the time we are unaware how the investigation is being done with suspects in such sensitive cases. Sajid’s case can prove helpful in improving our legal and justice system.”

Some say the underlying reason for this entire communal strife might be land, as has been the case elsewhere. In Lahore’s Joseph Colony, where more than 100 houses were burned in March 2013, Pakistan’s Supreme Court noted that the land on which the colony was set up could be the prime reason it was targeted. The land belonged to the government and is surrounded by huge factory complexes.

Safaniya Masih said the areas of the Dhair neighbourhood where trouble persists are those where Christians have not transferred the land into their names. Initially the landlord told them to build houses and pay the land price in instalments, he said, adding: “When they had done this, they refused to legally transfer the land and several houses have filed legal cases in this regard.”

His brother, Bishop Emmanuel Masih, had erected a cross in the neighbourhood, about five feet tall. When most Christians had fled, some of the local Muslims wanted to break the cross down.

“We were not here but those who were left resisted and did not allow it to be brought down,” Safaniya Masih said. “A few girls were coming back when some boys shouted that sooner or later the houses of Christians would be set on fire. But we are hopeful that God will be with us and keep us safe in this troubled time.”

*The name ‘Masih’, which derives from ‘Messiah’, has been used for whole Christian communities for many years in Pakistan. Bibi, meanwhile, is a respectful term for a married or older woman in Pakistan and other parts of South Asia – the most famous Christian example being Asia Bibi, who has been on death row for blasphemy since 2010.

UPDATE (27 February): This morning Punjab parliamentarian Shunila Ruth raised the question of the security of Pakistani Christians in the Punjab Assembly. She said that Christians would stand for justice and if anyone violated the law then he or she should be brought to justice. Talking to World Watch Monitor, Ruth said that she had demanded an independent inquiry. “It shouldn’t be that FIA investigate their personnel who tortured and used these inhumane investigation techniques,” she said. She also raised an objection that despite the passing of four days, Sajid’s multiple injuries hadn’t been treated with an operation.

L'attivista per i diritti umani Khalid Shahzad, che vive nella stessa zona di Sajid, il quartiere di Dhair a Shahdara, ha detto a World Watch Monitor che tali agenzie investigative hanno usato a volte tecniche dure per ricattare i sospetti a prescindere dalla loro religione.

Shahzad ha aggiunto che il gruppo di social media a cui appartenevano Patras e Sajid "aveva 16 membri, ma solo i cristiani del gruppo sono stati interrogati".

La situazione a Dhair rimane tesa, sebbene la maggior parte delle 800 famiglie fuggite la scorsa settimana per timore di violenze siano tornate. Safaniya Masih, che gestisce la vicina Chiesa dei Fratelli, ha detto a World Watch Monitor che le loro due congregazioni hanno potuto incontrarsi ieri [domenica] per i servizi.

Irfan Mufti, vicedirettore di un movimento della società civile denominato South Asia Partnership, ha dichiarato a World Watch Monitor: "È molto importante che il governo intervenga e garantisca la sicurezza e la sicurezza di Sajid, perché la maggior parte delle volte non siamo consapevoli di come l'indagine sia fatto con sospetti in casi così delicati. Il caso di Sajid può rivelarsi utile per migliorare il nostro sistema legale e giudiziario ".

Alcuni dicono che la ragione di fondo di tutta questa lotta comunitaria potrebbe essere la terra, come è successo altrove. A Joseph's Colony di Lahore, dove più di 100 case sono state bruciate nel marzo 2013, la Corte Suprema del Pakistan ha osservato che il terreno su cui si è insediata la colonia potrebbe essere il motivo principale per cui è stato preso di mira. La terra apparteneva al governo ed è circondata da enormi complessi industriali.

Safaniya Masih ha detto che le aree del quartiere di Dhair dove i problemi persistono sono quelli in cui i cristiani non hanno trasferito la terra nei loro nomi. Inizialmente il padrone di casa ha detto loro di costruire case e pagare il prezzo del terreno a rate, ha detto, aggiungendo: "Quando hanno fatto questo, hanno rifiutato di trasferire legalmente la terra e diverse case hanno presentato cause legali a riguardo."

Suo fratello, il vescovo Emmanuel Masih, aveva eretto una croce nel quartiere, alta circa un metro e mezzo. Quando molti cristiani sono fuggiti, alcuni musulmani locali hanno voluto rompere la croce.

"Non eravamo qui ma quelli che erano rimasti hanno resistito e non hanno permesso che venisse abbattuto", ha detto Safaniya Masih. "Alcune ragazze stavano tornando quando alcuni ragazzi hanno gridato che prima o poi le case dei cristiani sarebbero state date alle fiamme. Ma siamo fiduciosi che Dio sarà con noi e ci terrà al sicuro in questo momento difficile ".

* Il nome "Masih", che deriva da "Messia", è stato utilizzato per intere comunità cristiane per molti anni in Pakistan. Bibi, nel frattempo, è un termine rispettoso per una donna sposata o anziana in Pakistan e in altre parti dell'Asia meridionale - l'esempio cristiano più famoso è Asia Bibi, che è stata nel braccio della morte per blasfemia dal 2010.

AGGIORNAMENTO (27 febbraio): questa mattina la parlamentare del Punjab, Shunila Ruth, ha sollevato la questione della sicurezza dei cristiani pakistani nell'assemblea del Punjab. Ha detto che i cristiani avrebbero difeso la giustizia e se qualcuno avesse violato la legge, allora lui o lei avrebbe dovuto essere assicurato alla giustizia. Parlando con World Watch Monitor, Ruth ha affermato di aver richiesto un'inchiesta indipendente. "Non dovrebbe essere che la FIA indaga sul personale che ha torturato e ha usato queste tecniche di indagine inumane", ha detto. Ha anche sollevato un'obiezione che, nonostante il trascorrere di quattro giorni, le ferite multiple di Sajid non erano state trattate con un'operazione.
==========================

=============================

=============================

Death and destruction as Boko Haram launches fresh attacks in Cameroon

Share. March 1, 2018 By World Watch Monitor Cameroon Boko Haram, Cameroon, Nigeria

A Christian family in northern Cameroon look through what is left of their home after it was burned down by Boko Haram militants on 23 February (World Watch Monitor)

A Christian family in northern Cameroon look through what is left of their home after it was burned down on 23 February by Boko Haram militants (World Watch Monitor)

Boko Haram insurgents continue to carry out attacks outside the borders of Nigeria, where the group began.

The Islamists recently attacked two villages in northern Cameroon, close to the north-eastern border with Nigeria, leaving one person dead and many homes destroyed by fire.

The 23 February attack on Virkaza and nearby Tchebechebe was the fourth time Boko Haram has raided villages in Cameroon this year.

During the latest attack, militias set fire to more than 100 huts, a Catholic church and school. The fires claimed the life of one person, who has not yet been named.

Video shows homes in Virkaza, northern Cameroon, destroyed by fire during a Boko Haram attack, 23 February 2018.

A survivor of the attack told World Watch Monitor what happened.

“They attacked Virkaza and Tchebechebe at about 8pm. We started hearing gunshots way before, but it seems that is when they started their attack. We saw the flames at about 8.30pm,” said the survivor, who did not want to be named.

A church leader in Tourou said he could see the fire 25km away.

According to the survivor, Boko Haram militants arrived in the villages “and simply did as they pleased. The army fired shots from afar and the attackers stopped their carnage for a while, but, when they couldn’t hear shots anymore, the attackers simply started burning again, attacking the two villages at the same time”.

There was no resistance from security forces because the area is “very difficult to access”, they said, and the insurgents left the area at around 2am “when they disappeared back across the Nigerian border”.

This latest attack is not the first time that Boko Haram has ventured beyond its borders.

In 2017 there were 32 attacks in Cameroon, two in Chad, and seven in Niger, according to the BBC. There were fewer cross-border attacks last year (41) than in 2016 (47), but the incursions were into the same three countries, all of which border north-eastern Nigeria – the group’s stronghold. There were 80 Boko Haram attacks in Nigeria in 2016, and 109 in 2017. Figures show a growing emphasis on the use of suicide attacks in both Nigeria and Cameroon.

Other attacks in northern Cameroon

Earlier in February, a Boko Haram attack in Gitawa left six dead, including a pregnant woman. Five of the victims were Christian.

The group claimed responsibility for the 15 January attack on Roum, which left four dead after the militants stormed the village and set fire to homes and two churches. On 17 January Boko Haram militants set fire to four houses in Dafidalo.

A church leader in the region told World Watch Monitor the attackers’ aim is to “push us out to occupy these zones”, and that they are seeking revenge for counter-attacks by government forces.

Another church leader, from Mozogo, said: “It is very difficult for the people here. They don’t have anything left for themselves. [Boko Haram] leave no house standing… They took away the money of the church, which was kept in safes… In the night, we just call on God to help us to see the day.”

Before this year’s cross-border attacks on Cameroon, the region had enjoyed a period of relative calm. The last attack was in August 2017 when Boko Haram kidnapped six siblings from Moskota, after killing their father. All the children, aged between three and 15, later managed to escape when their guard fell asleep. They were found by vigilantes and handed over to the Cameroon military.

Police reported that at least 13 people had been killed in clashes that broke out on Monday (26 February) between Christian and Muslim youths in Kaduna state. Police commissioner Austin Iwar said: “We don’t want to jump to conclusions as to what led to the mayhem. The speculation was that some Christian boys were not happy that their girls are befriending Muslim boys.”

Morte e distruzione mentre Boko Haram lancia nuovi attacchi in Camerun

Condividere. 1 marzo 2018 da World Watch Monitor Camerun Boko Haram, Camerun, Nigeria

Una famiglia cristiana nel nord del Camerun guarda attraverso ciò che resta della loro casa dopo essere stata bruciata dai militanti di Boko Haram il 23 febbraio (World Watch Monitor)

Una famiglia cristiana nel nord del Camerun guarda attraverso ciò che resta della loro casa dopo essere stata bruciata il 23 febbraio dai militanti di Boko Haram (World Watch Monitor)

Gli insorti di Boko Haram continuano a effettuare attacchi fuori dai confini della Nigeria, dove è iniziato il gruppo.

Gli islamisti hanno recentemente attaccato due villaggi nel nord del Camerun, vicino al confine nord-orientale con la Nigeria, lasciando una persona morta e molte case distrutte da un incendio.

L'attacco del 23 febbraio a Virkaza e vicino a Tchebechebe è stata la quarta volta che Boko Haram ha fatto irruzione in villaggi in Camerun quest'anno.

Durante l'ultimo attacco, le milizie hanno dato fuoco a più di 100 capanne, una chiesa cattolica e una scuola. I fuochi hanno reclamato la vita di una persona, che non è stata ancora nominata.

Il video mostra case a Virkaza, nel nord del Camerun, distrutte da un incendio durante un attacco di Boko Haram, il 23 febbraio 2018.

Un sopravvissuto all'attacco ha riferito a World Watch Monitor cosa è successo.

"Hanno attaccato Virkaza e Tchebechebe verso le 20:00. Abbiamo iniziato a sentire colpi d'arma da fuoco molto prima, ma sembra che sia stato quando hanno iniziato il loro attacco. Abbiamo visto le fiamme verso le 20.30 di sera ", ha detto il sopravvissuto, che non voleva essere nominato.

Un dirigente di una chiesa a Tourou disse che poteva vedere l'incendio a 25 km di distanza.

Secondo il sopravvissuto, i militanti di Boko Haram sono arrivati ​​nei villaggi "e hanno semplicemente fatto ciò che volevano. L'esercito ha sparato colpi da lontano e gli aggressori hanno interrotto la loro carneficina per un po ', ma, quando non hanno più potuto sentire i colpi, gli attaccanti hanno semplicemente iniziato a bruciare di nuovo, attaccando i due villaggi nello stesso momento ".

Non c'è stata resistenza da parte delle forze di sicurezza perché l'area è "molto difficile da accedere", hanno detto, e gli insorti hanno lasciato l'area intorno alle 2:00 "quando sono scomparsi di nuovo attraverso il confine nigeriano".

Quest'ultimo attacco non è la prima volta che Boko Haram si è avventurato oltre i suoi confini.

Nel 2017 ci sono stati 32 attacchi in Camerun, due in Ciad e sette in Niger, secondo la BBC. Ci sono stati meno attacchi transfrontalieri lo scorso anno (41) rispetto al 2016 (47), ma le incursioni erano negli stessi tre paesi, tutti al confine con la Nigeria nord-orientale - la roccaforte del gruppo. Ci sono stati 80 attacchi Boko Haram in Nigeria nel 2016 e 109 nel 2017. Le cifre mostrano un'enfasi crescente sull'uso di attacchi suicidi sia in Nigeria che in Camerun.

Altri attacchi nel nord del Camerun

All'inizio di febbraio, un attacco di Boko Haram a Gitawa ha lasciato sei morti, compresa una donna incinta. Cinque delle vittime erano cristiane.

Il gruppo ha rivendicato la responsabilità dell'attacco del 15 gennaio a Roum, che ha lasciato quattro morti dopo che i militanti hanno preso d'assalto il villaggio e hanno dato fuoco a case e due chiese. Il 17 gennaio i militanti di Boko Haram hanno dato fuoco a quattro case a Dafidalo.

Un leader della Chiesa nella regione ha detto a World Watch Monitor che l'obiettivo degli aggressori è "spingerci ad occupare queste zone" e che stanno cercando vendetta per i contrattacchi delle forze governative.

Un altro dirigente di una chiesa, del Mozogo, ha dichiarato: "È molto difficile per la gente qui. Non hanno nulla lasciato per se stessi. [Boko Haram] non lascia nessuna casa in piedi ... Hanno portato via i soldi della chiesa, che è stata tenuta in cassaforte ... Nella notte, chiediamo semplicemente a Dio di aiutarci a vedere il giorno. "

Prima degli attacchi transfrontalieri di quest'anno sul Camerun, la regione aveva goduto di un periodo di relativa calma. L'ultimo attacco è avvenuto nell'agosto 2017 quando Boko Haram ha rapito sei fratelli da Moskota, dopo aver ucciso il loro padre. Tutti i bambini, di età compresa tra i tre ei 15 anni, sono riusciti a fuggire quando la loro guardia si è addormentata. Furono trovati dai vigilantes e consegnati ai militari del Camerun.

La polizia ha riferito che almeno 13 persone sono state uccise negli scontri scoppiati lunedì (26 febbraio) tra giovani cristiani e musulmani nello stato di Kaduna. Il commissario di polizia Austin Iwar ha dichiarato: "Non vogliamo saltare alle conclusioni su cosa abbia portato al caos. La speculazione era che alcuni ragazzi cristiani non erano felici che le loro ragazze fossero amiche dei ragazzi musulmani ".

Parti dello stato di Kaduna si trovano nella regione della cintura media nigeriana, dove migliaia di cristiani hanno perso la vita negli ultimi anni in violenze non legate a Boko Haram. Ciò è stato contrassegnato da un numero crescente di attacchi contro gli agricoltori cristiani da parte di mandriani principalmente musulmani Hausa-Fulani. I ricercatori dello scorso anno hanno affermato che nel 2016 le violenze nella cintura di mezzo avevano causato più morti di quelle causate da Boko Haram.

Mancano ancora 110 studentesse

Nel frattempo, un attacco al College di scienza e tecnica del governo femminile di Dapche, parte dello stato del Borno settentrionale della Nigeria, ha portato a temere "un altro Chibok".

La maggior parte dei 926 studenti sono fuggiti, sono stati salvati o in seguito restituiti alla scuola, ma si stima che 110 ragazze non siano presenti.
Parts of Kaduna state lies in Nigeria’s Middle Belt region, where thousands of Christians have lost their lives in recent years in non-Boko Haram related violence. This has been marked by a growing number of attacks on Christian farmers by mainly Muslim Hausa-Fulani herdsmen. Last year researchers said that in 2016 violence in the Middle Belt had accounted for more deaths than those caused by Boko Haram.

110 schoolgirls still missing

Meanwhile, an attack on The Government Girls Science and Technical College in Dapche, part of northern Nigeria’s Borno state, has led to fears of “another Chibok”.

Most of the 926 students escaped, were rescued or later returned to the school, but an estimated 110 girls are unaccounted for. According to Reuters, two girls were killed.

It took the Nigerian government a week to confirm that 110 girls had been kidnapped, reported AP, and only on Tuesday (27 February) were their names released.

Leah Sherubu is the only Christian student among the list of missing girls, in what is a Muslim-dominated area.

President Muhammadu Buhari said the kidnapping was a “national disaster” and apologised to the girls’ families.

The military said it withdrew from Dapchi weeks before the attack because the town was “relatively calm” and its troops were needed elsewhere.

Parti dello stato di Kaduna si trovano nella regione della cintura media nigeriana, dove migliaia di cristiani hanno perso la vita negli ultimi anni in violenze non legate a Boko Haram. Ciò è stato contrassegnato da un numero crescente di attacchi contro gli agricoltori cristiani da parte di mandriani principalmente musulmani Hausa-Fulani. I ricercatori dello scorso anno hanno affermato che nel 2016 le violenze nella cintura di mezzo avevano causato più morti di quelle causate da Boko Haram.

Mancano ancora 110 studentesse

Nel frattempo, un attacco al College di scienza e tecnica del governo femminile di Dapche, parte dello stato del Borno settentrionale della Nigeria, ha portato a temere "un altro Chibok".

La maggior parte dei 926 studenti sono fuggiti, sono stati salvati o in seguito restituiti alla scuola, ma si stima che 110 ragazze non siano presenti. Secondo la Reuters, due ragazze sono state uccise.

Il governo nigeriano ha impiegato una settimana per confermare che 110 ragazze sono state rapite, ha riferito l'AP, e solo martedì (27 febbraio) sono stati rilasciati i loro nomi.

Leah Sherubu è l'unico studente cristiano nell'elenco delle ragazze scomparse, in quella che è una zona dominata dai musulmani.

Il presidente Muhammadu Buhari ha detto che il rapimento è stato un "disastro nazionale" e si è scusato con le famiglie delle ragazze.

I militari hanno detto che si ritirò da Dapchi alcune settimane prima dell'attacco perché la città era "relativamente calma" e le sue truppe erano necessarie altrove.

====================

==========================

==============================

Iran: Christians held in notorious Evin Prison ‘will never be the same’. Share. February 28, 2018 By World Watch Monitor Iran Evin Prison, Hassan Rouhani, Iran, Maryam Rostampour, Marziyeh Amirizadeh, Naser Navard Gol-Tapeh

The outside of the Evin prison in Tehran referred to as the "world's most brutal prison" by those who have been incarcerated there. Photo: Flickr/ SabzPhoto

Evin Prison in Tehran, the “world’s most brutal prison” according to two Christian women who spent time there. (Photo: Flickr/ SabzPhoto)

There was hope among Iranian Christians that the mass protests earlier this year could effect change for them, but they continue to be harassed and imprisoned on spurious charges.

An Iranian convert to Christianity, Naser Navard Gol-Tapeh, who recently lost his appeal against a 10-year sentence for “missionary activities”, was reportedly moved to the infamous Evin Prison in Tehran two weeks ago – the same prison where two other Christians, Majidreza Souzanchi Kushani and Fatimeh Mohammadi (both members of the self-styled “Church of Iran”), have also been held since their arrest on 17 November last year.

Naser Navard Gol-Tapeh (Photo: Article 18)

According to the advocacy group Middle East Concern, Kushani was charged with “disrupting national security” by being a member of an evangelical Christian group, for which he could receive a prison sentence of between two and ten years.

It remains unclear on what grounds Mohammadi is being held, in the women’s ward of the infamous prison referred to by two other Christian women who spent eight months there as the “the world’s most brutal prison”.

Maryam Rostampour and Marziyeh Amirizadeh, speaking in November, said they experienced relentless interrogation and physical threats during their time in the prison in 2009/10.

It has been eight years since their release, but Rostampour said: “When people experience living in Evin Prison they will never be the same again. The stress is too much. We can’t be the same people. We can’t be as happy as before. We don’t enjoy activities like normal people because all the time we think of those who are still there.”

‘They broke my identity’

Another Christian who recently spent time in the prison was Saman*. Saman, a convert from Islam to Christianity, was arrested in 2016 and imprisoned in Evin for 44 days because of activities related to his Christian faith.

He says the time following his release was also difficult, as the authorities kept an eye on him to ensure he wouldn’t visit other Christians or attend a church meeting. He says he was traumatised but did not receive the support he needed.

A local partner of the Christian charity Open Doors recently organised trauma-care training for Christians like him, where they were offered counselling, art therapy and Bible studies. Saman says the training helped to restore his hope and faith.

Former prisoners, attending a conference, are praying for Christians who are still behind bars in Iran. (Photo: Open Doors International)

Former prisoners reflect on the

Christians still behind bars in Iran. (Photo: Open Doors International)

Saman says of his time in Evin: “They tried to break me by telling me what a nobody I was; they broke my identity.” He says he was afraid and felt hopeless, even doubting his faith: “I thought: ‘Is this it? Have I wasted 13 years of believing in Him [God]? Does he even exist?’”

He says the interrogators also brought in some of his friends, blindfolded, and when asked whose fault it was that they were there, they would all say “Saman” and that they would be willing to testify against him in court.

Evin Prison was visited by a delegation of 11 Iranian MPs on 30 January to investigate alleged abuse, as Radio Farda reported. During their visit, the MPs spoke with four detainees while surrounded by intelligence officers, drawing criticism from the deputy head of parliament’s Legal and Judicial Commission, Mohammad Kazemi, who said: “It would have been better if they’d stayed away, since we had to talk to the detainees in private.”

‘We should trust the people’

Iran: i cristiani detenuti nella famigerata Prigione di Evin "non saranno più gli stessi". Condividere. 28 febbraio 2018 da World Watch Monitor Prigione Iranica di Evin, Hassan Rouhani, Iran, Maryam Rostampour, Marziyeh Amirizadeh, Naser Navard Gol-Tapeh

L'esterno della prigione di Evin a Teheran viene definito "la prigione più brutale del mondo" da coloro che vi sono stati incarcerati. Foto: Flickr / SabzPhoto

Prigione di Evin a Teheran, la "prigione più brutale del mondo" secondo due donne cristiane che hanno passato il tempo lì. (Foto: Flickr / SabzPhoto)

C'era speranza tra i cristiani iraniani che le proteste di massa all'inizio di quest'anno avrebbero potuto produrre un cambiamento per loro, ma continuano a essere molestate e imprigionate con accuse spurie.

Un iraniano convertito al cristianesimo, Naser Navard Gol-Tapeh, che ha recentemente perso il suo appello contro una pena di 10 anni per "attività missionarie", è stato riferito che è stato trasferito nell'infame carcere di Evin a Teheran due settimane fa - la stessa prigione dove due altri cristiani , Majidreza Souzanchi Kushani e Fatimeh Mohammadi (entrambi membri della sedicente "Church of Iran"), sono stati detenuti dal loro arresto il 17 novembre scorso.

Naser Navard Gol-Tapeh (Foto: Articolo 18)

Secondo il gruppo di sensibilizzazione Middle East Concern, Kushani è stato accusato di "sconvolgere la sicurezza nazionale" essendo membro di un gruppo cristiano evangelico, per il quale poteva ricevere una pena detentiva compresa tra due e dieci anni.

Non è chiaro su quali basi si trovi Mohammadi, nel reparto femminile dell'infame prigione cui fanno riferimento due altre donne cristiane che vi hanno trascorso otto mesi come "la prigione più brutale del mondo".

Maryam Rostampour e Marziyeh Amirizadeh, parlando a novembre, hanno dichiarato di aver subito un interrogatorio incessante e minacce fisiche durante il loro periodo di detenzione nel 2009/10.

Sono passati otto anni dalla loro uscita, ma Rostampour ha detto: "Quando le persone vivono nella prigione di Evin, non saranno più le stesse. Lo stress è troppo. Non possiamo essere le stesse persone. Non possiamo essere felici come prima. Non ci piacciono le attività come le persone normali, perché tutto il tempo pensiamo a coloro che sono ancora lì ".

"Hanno rotto la mia identità"

Un altro cristiano che di recente ha passato del tempo in prigione è stato Saman *. Saman, convertito dall'islam al cristianesimo, è stato arrestato nel 2016 e imprigionato a Evin per 44 giorni a causa di attività legate alla sua fede cristiana.

Dice anche che il tempo successivo alla sua liberazione è stato difficile, poiché le autorità lo tenevano d'occhio per assicurarsi che non visitasse altri cristiani o non partecipasse a una riunione in chiesa. Dice di essere stato traumatizzato ma non ha ricevuto il sostegno di cui aveva bisogno.

Un partner locale della carità cristiana Open Doors ha recentemente organizzato corsi di formazione per il trauma per i cristiani come lui, dove sono stati offerti consulenza, arteterapia e studi biblici. Saman dice che l'allenamento ha aiutato a ripristinare la sua speranza e la sua fede.

Gli ex prigionieri, che partecipano a una conferenza, stanno pregando per i cristiani che sono ancora dietro le sbarre in Iran. (Foto: Open Doors International)

Gli ex prigionieri riflettono sul

Cristiani ancora dietro le sbarre in Iran. (Foto: Open Doors International)

Saman dice del suo tempo in Evin: "Hanno cercato di infranmi dicendomi che non ero nessuno; hanno rotto la mia identità ". Dice di avere paura e di sentirsi senza speranza, anche dubitando della sua fede:" Ho pensato: 'È così? Ho sprecato 13 anni credendo in Lui [Dio]? Esiste anche? '"

Dice che gli interrogatori hanno anche portato alcuni dei suoi amici, con gli occhi bendati, e quando gli è stata chiesta la colpa che erano lì, avrebbero detto tutti "Saman" e che sarebbero stati disposti a testimoniare contro di lui in tribunale.

Il 30 gennaio una prigione di Evin è stata visitata da una delegazione di 11 parlamentari iraniani per indagare su presunti abusi, come riportato da Radio Farda. Durante la loro visita, i parlamentari hanno parlato con quattro detenuti circondati da agenti dei servizi segreti, attirando le critiche del vice capo della Commissione legale e giudiziaria del parlamento, Mohammad Kazemi, che ha detto: "Sarebbe stato meglio se fossero rimasti lontani, dal momento che noi dovevo parlare ai detenuti in privato. "

'Dovremmo fidarci delle persone'
Learn more

Iran: appeal due for Christians given 10 years for ‘missionary activities’

Iran: arrests of Christian converts continue

Freed from prison after 4 years, Christian woman ‘banned from leaving Iran’

Iran’s clerics concerned by spread of Christianity among youth

Earlier this month, on the occasion of the 39th anniversary of the Iranian Revolution, President Hassan Rouhani called for unity, saying: “We should trust the people. We must allow all inclinations to participate in elections… Our revolution was victorious when we were all together… All Iranian races, all Iranian religions, Shiites and Sunnis, Muslims, Christians, Jews and Zaroastrians – whoever believes in the constitution, that is our criteria. He is a revolutionary and he must be respected.”

His comments followed weeks of social unrest and protests, revealing not just economic frustration but also disillusionment with the way the 39-year-old regime is perceived by some to “use Islam for their own ideology”, as Article 18’s Mansour Borji told World Watch Monitor in January.

But despite the pressures, Christianity is spreading in Iran. Official figures are hard to come by in a country where turning away from Islam is a crime, but based on observing several factors Christian charity Open Doors says there are approximately 800,000 Christians in Iran – roughly one per cent of its population of over 80 million. This is a conservative estimate, they add, as several reports show that that the Church is growing and that Christians from a Muslim background – and therefore unrecognised by the state – now outnumber the recognised Christian minorities of Armenian and Assyrian descent.

*Real name withheld for security reasons.
Learn more

Iran: appeal due for Christians given 10 years for ‘missionary activities’

Iran: arrests of Christian converts continue

Freed from prison after 4 years, Christian woman ‘banned from leaving Iran’

Iran’s clerics concerned by spread of Christianity among youth

Earlier this month, on the occasion of the 39th anniversary of the Iranian Revolution, President Hassan Rouhani called for unity, saying: “We should trust the people. We must allow all inclinations to participate in elections… Our revolution was victorious when we were all together… All Iranian races, all Iranian religions, Shiites and Sunnis, Muslims, Christians, Jews and Zaroastrians – whoever believes in the constitution, that is our criteria. He is a revolutionary and he must be respected.”

His comments followed weeks of social unrest and protests, revealing not just economic frustration but also disillusionment with the way the 39-year-old regime is perceived by some to “use Islam for their own ideology”, as Article 18’s Mansour Borji told World Watch Monitor in January.

But despite the pressures, Christianity is spreading in Iran. Official figures are hard to come by in a country where turning away from Islam is a crime, but based on observing several factors Christian charity Open Doors says there are approximately 800,000 Christians in Iran – roughly one per cent of its population of over 80 million. This is a conservative estimate, they add, as several reports show that that the Church is growing and that Christians from a Muslim background – and therefore unrecognised by the state – now outnumber the recognised Christian minorities of Armenian and Assyrian descent.

*Real name withheld for security reasons.
====================

==========================

==============================

India: Videos show Hindu nationalists attacking Christians, burning Bibles

February 22, 2018 India Anti-Conversion Law, BJP, Hindu nationalism, India, RSS

India: Videos show Hindu nationalists attacking Christians, burning Bibles

Videos have emerged of Hindu extremists abusing Christians carrying religious literature. In one of the videos the extremists are seen setting alight a pile of Bibles. The two incidents, which were verified by Christians in the area, were filmed in southern India. They both show a mob of Hindu extremists . . . Read More

Kenya: engaged couple killed, together with fellow primary school teacher, by suspected Al-Shabaab attackers

February 21, 2018 Kenya Al-Shabaab, Boni, Catholics, Education, Garissa, Islamic extremism, Kenya, Lamu, Mandera, Somalia, Wajir

Kenya: engaged couple killed, together with fellow primary school teacher, by suspected Al-Shabaab attackers

After the coldblooded murder of three Christian teachers – including a couple soon to be married – in north-eastern Kenya by suspected Al-Shabaab gunmen, fear is growing that the Islamist militant group is targeting education, and its proponents, in the predominantly Muslim region. Seth Oluoch Odada and Kevin Shari were . . . Read More

Indonesia: Ahok asks Supreme Court to review his blasphemy sentence

February 21, 2018 Indonesia Ahok, Blasphemy, Indonesia, Islamic Defenders Front

Jakarta’s former governor 'Ahok' has appealed his prison sentence. (Photo: Open Doors International)

The Christian former Governor of Jakarta has appealed his blasphemy conviction to Indonesia’s Supreme Court A court spokesman said on 20 February that it had received a request for judicial review from Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, who was sentenced in May 2017 in connection with a video in which he . . . Read More

Imam calls for radical reforms to end extremism and safeguard Eastern Christians

February 21, 2018 International France, Islam, Islamic extremism, Islamic State, Yazidis

appearing to show IS slave market

Sexual slavery practised by Islamic State (IS) jihadists is condoned in literature that is available at Islamic institutions and should be burnt, a leading imam in France has said. Hocine Drouiche, vice president of the Conference of Imams of France and an imam in Nimes, said that the ideology behind the . . . Read More

Pakistan: 800 Christian families flee neighbourhood after blasphemy accusation

February 20, 2018 Pakistan Blasphemy, Facebook, Lahore, Pakistan, Patras Masih, Social media

Pakistan: 800 Christian families flee neighbourhood after blasphemy accusation

Several Islamic clerics and a few Christian leaders held a press conference at a police station in Lahore, Pakistan, this evening (20 February) to send a message to at least 800 families who fled a Christian neighbourhood in the city after a 20-year-old Christian man was accused of posting blasphemous content on Facebook, . . . Read More

Iraq archbishop invites Muslim nations to rebuild Christian villages destroyed by IS

February 20, 2018 Iraq Bashar Warda, Iraq, Islamic extremism, Islamic State

Iraq archbishop invites Muslim nations to rebuild Christian villages destroyed by IS

The Archbishop of Erbil in Iraqi Kurdistan has called for Muslim nations to help rebuild the Christian and Yazidi villages destroyed by Islamic State (IS). Archbishop Bashar Warda said: “It is not enough to say ‘ISIS does not represent Islam’. We need more.” Helping to rebuild what IS destroyed would . . . Read More

Boko Haram strikes again in northern Cameroon, killing pregnant woman and setting church on fire

February 20, 2018 Cameroon Boko Haram, Cameroon, Far North

India: i video mostrano i nazionalisti indù che attaccano i cristiani, bruciano Bibbie

22 febbraio 2018 India Legge anti-conversione, BJP, nazionalismo indù, India, RSS

India: i video mostrano i nazionalisti indù che attaccano i cristiani, bruciano Bibbie

Sono emersi video di estremisti indù che abusano di cristiani che portano letteratura religiosa. In uno dei video gli estremisti vengono visti mentre accendono una pila di Bibbie. I due incidenti, verificati dai cristiani nell'area, sono stati girati nell'India meridionale. Entrambi mostrano una folla di estremisti indù. . . Leggi di più

Kenya: una coppia di fidanzati uccisa, insieme a un altro insegnante di scuola elementare, da parte di sospetti aggressori al-Shabaab

21 febbraio 2018 Kenya Al-Shabaab, Boni, Cattolici, Educazione, Garissa, estremismo islamico, Kenya, Lamu, Mandera, Somalia, Wajir

Kenya: una coppia di fidanzati uccisa, insieme a un altro insegnante di scuola elementare, da parte di sospetti aggressori al-Shabaab

Dopo l'assassinio a sangue freddo di tre insegnanti cristiani - tra cui un paio presto sposati - nel Kenya nord-orientale da sospetti uomini armati di al-Shabaab, cresce la paura che il gruppo militante islamista si rivolga all'istruzione, e ai suoi sostenitori, nella regione prevalentemente musulmana . Erano Seth Oluoch Odada e Kevin Shari. . . Leggi di più

Indonesia: Ahok chiede alla Corte Suprema di rivedere la sua sentenza sulla blasfemia

21 febbraio 2018 Indonesia Ahok, Blasfemia, Indonesia, Fronte dei difensori islamici

L'ex governatore di Giacarta, "Ahok", ha fatto appello contro la sua pena detentiva. (Foto: Open Doors International)

L'ex governatore cristiano di Jakarta ha fatto appello alla sua condanna per blasfemia alla Corte Suprema dell'Indonesia Un portavoce della corte ha dichiarato il 20 febbraio di aver ricevuto una richiesta di revisione giudiziaria da Basuki "Ahok" Tjahaja Purnama, che è stato condannato a maggio 2017 in connessione con un video in cui lui. . . Leggi di più

L'imam chiede riforme radicali per porre fine all'estremismo e salvaguardare i cristiani orientali

21 febbraio 2018 Internazionale Francia, Islam, estremismo islamico, Stato islamico, yazidi

apparendo per mostrare il mercato degli schiavi IS

La schiavitù sessuale praticata dai jihadisti dello Stato Islamico (IS) è condonata in letteratura disponibile presso le istituzioni islamiche e dovrebbe essere bruciata, ha detto un imam leader in Francia. Hocine Drouiche, vicepresidente della Conferenza degli Imam di Francia e un imam di Nimes, ha detto che l'ideologia dietro il. . . Leggi di più

Pakistan: 800 famiglie cristiane fuggono dal quartiere dopo accuse di blasfemia

20 febbraio 2018 Pakistan Blasphemy, Facebook, Lahore, Pakistan, Patras Masih, Social media

Pakistan: 800 famiglie cristiane fuggono dal quartiere dopo accuse di blasfemia

Diversi religiosi islamici e alcuni leader cristiani hanno tenuto una conferenza stampa in una stazione di polizia a Lahore, in Pakistan, questa sera (20 febbraio) per inviare un messaggio ad almeno 800 famiglie che sono fuggite da un quartiere cristiano della città dopo 20 anni- il vecchio cristiano è stato accusato di pubblicare contenuti blasfemi su Facebook,. . . Leggi di più

L'arcivescovo iracheno invita le nazioni musulmane a ricostruire villaggi cristiani distrutti dall'IS

20 febbraio 2018 Iraq Bashar Warda, Iraq, estremismo islamico, Stato islamico

L'arcivescovo iracheno invita le nazioni musulmane a ricostruire villaggi cristiani distrutti dall'IS

L'arcivescovo di Erbil nel Kurdistan iracheno ha invitato le nazioni musulmane a contribuire alla ricostruzione dei villaggi cristiani e yazidi distrutti dallo Stato islamico (IS). L'Arcivescovo Bashar Warda ha dichiarato: "Non è sufficiente dire che" l'ISIS non rappresenta l'Islam ". Abbiamo bisogno di più ". Aiutare a ricostruire ciò che sarebbe distrutto. . . Leggi di più

Boko Haram colpisce ancora nel nord del Camerun, uccidendo una donna incinta e dando fuoco alla chiesa

20 febbraio 2018 Camerun Boko Haram, Camerun, estremo nord
Boko Haram strikes again in northern Cameroon, killing pregnant woman and setting church on fire

In Cameroon’s volatile Far North region, attacks by the radical Islamic group, Boko Haram, have resumed. The region had enjoyed a period of relative calm, with the last attack in 2017 taking place in August. Military campaigns by the Multinational Force – made up of forces from Nigeria, Niger, Chad . . . Read More

2017 ‘one of the most traumatic years for Indian Christians’

February 19, 2018 India BJP, Hindu nationalism, India, Kandhamal, Sangh Parivar

Hindu radicals burn a dummy replica of local Jharkhand Archbishop, Cardinal Telephore Toppo of Ranchi. (Photo: Catholic Bishops' Conference of India)

The Evangelical Fellowship of India (EFI) has described 2017 as “one of the most traumatic” years for Indian Christians in a decade after it recorded 351 verified incidences of hate crimes against Christians during the year. The Religious Liberty Commission of the EFI, which brings together Christians from more than . . . Read More

Russia: ‘Extremist’ identified after five women killed in Dagestan church attack

February 19, 2018 Russia Caucasus, Central Asia, Chechnya, Dagestan, Islamic extremism, Patriarch Kirill, Russia, Russian Orthodox Church, Women

Dagestan mosque

Authorities in one of the least stable parts of Russia have identified the suspected gunman who killed five women at a church yesterday (18 February) before being shot dead by security forces. The mayoral office in Kizlyar, in the restive and ethnically diverse region of Dagestan, named the assailant as . . . Read More

Iranian Christian convert detained since before Christmas

February 16, 2018 Iran Ali Amini, Amin Afshar Naderi, Converts, Hadi Asgari, Iran, Karaj, Maryam Naghash Zargaran, Prisons, Tabriz, Victor Bet-Tamraz

Ali Amini (Article 18)

An Iranian convert to Christianity arrested more than two months ago remains in prison in the conservative north-western city of Tabriz, according to rights group Article 18. Ali Amini, known by his friends as Philip, was arrested by revolutionary guards at his workshop in the city on 10 December. His . . . Read More

Boko Haram colpisce ancora nel nord del Camerun, uccidendo una donna incinta e dando fuoco alla chiesa

Nella volatile regione del Nord del Camerun, gli attacchi del gruppo islamico radicale, Boko Haram, sono ripresi. La regione ha vissuto un periodo di calma relativa, con l'ultimo attacco nel 2017 che si è svolto in agosto. Campagne militari della Forza multinazionale - composte da forze provenienti dalla Nigeria, dal Niger, dal Ciad. . . Leggi di più

Il 2017 'uno degli anni più traumatici per i cristiani indiani'

19 febbraio 2018 India BJP, nazionalismo indù, India, Kandhamal, Sangh Parivar

I radicali indù bruciano una copia fittizia dell'arcivescovo Jharkhand locale, il cardinale Telephore Toppo di Ranchi. (Foto: Conferenza episcopale indiana)

The Evangelical Fellowship of India (EFI) ha descritto il 2017 come "uno degli anni più traumatici" per i cristiani indiani in un decennio dopo aver registrato 351 incidenze verificate di crimini di odio contro i cristiani durante l'anno. La Commissione per la libertà religiosa dell'EFI, che riunisce i cristiani da più di. . . Leggi di più

Russia: "Estremista" identificato dopo cinque donne uccise nell'attacco alla chiesa del Daghestan

19 febbraio 2018 Russia Caucaso, Asia centrale, Cecenia, Daghestan, estremismo islamico, Patriarca Kirill, Russia, Chiesa ortodossa russa, Donne

Moschea del Daghestan

Le autorità in una delle parti meno stabili della Russia hanno identificato il sospetto assassino che ha ucciso cinque donne in una chiesa ieri (18 febbraio) prima di essere ucciso a colpi di arma da fuoco dalle forze di sicurezza. L'ufficio del sindaco di Kizlyar, nella regione irrequieta ed etnicamente diversificata del Daghestan, nominò l'assalitore come. . . Leggi di più

Convertito cristiano iraniano detenuto da prima di Natale

16 febbraio 2018 Iran Ali Amini, Amin Afshar Naderi, Converts, Hadi Asgari, Iran, Karaj, Maryam Naghash Zargaran, Prigioni, Tabriz, Victor Bet-Tamraz

Ali Amini (articolo 18)

Un convertito iraniano al cristianesimo arrestato più di due mesi fa rimane in prigione nella città conservatrice nord-occidentale di Tabriz, secondo il gruppo di diritti Articolo 18. Ali Amini, conosciuto dai suoi amici come Filippo, fu arrestato dalle guardie rivoluzionarie nel suo laboratorio in la città il 10 dicembre. Il suo . . . Leggi di più

Meloni in Ungheria da Orban: «Tra patrioti ci si intende alla grande» (video)

L’incontro, durato oltre un’ora, si è svolto presso la sede del Parlamento Ungherese. Ad immortalare l’incontro un selfie: «Con il primo ministro ungherese Viktor Orbán, vista Danubio, Budapest – scrive Giorgia Meloni- Tra patrioti europei ci si intende subito alla grande».

Leggi tutto ›


Centrodestra, manifestazione unitaria a Roma: «Insieme per vincere»

Leggi tutto >




Gasparri sbugiarda Di Maio: “Si dimostra sconclusionato e ignorante”

Leggi tutto >


Tutti contro la prof che augura la morte ai poliziotti: «Non può insegnare»

Leggi tutto >


Le Forze Armate italiane donano medicinali alla clinica infantile di Mogadiscio

Leggi tutto >

GLI ALTRI ARTICOLI PIU' LETTI L’imam ai musulmani italiani: «Votate a sinistra, votate chi vuole lo Ius soli»
Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui Venerdi 2 Marzo 2018 Meloni lancia il “patto di pietra”. Berlusconi: «Siamo 4 eroi, votateci» Sala strapiena e folla assiepata fuori ad ascoltare dagli altoparlanti per la manifestazione del centrodestra al Tempio di Adriano, a Piazza di Pietra, a Roma. «Insieme per vincere» era lo slogan dell’incontro, nato come ultimo appello al voto agli italiani. Leggi tutto ›



Centrodestra, la fotogallery della manifestazione “Insieme per vincere” Leggi tutto >
Di Maio presenta la lista dei ministri grillini: tutti perfetti sconosciuti… Leggi tutto > Gasparri: «Disonesti, massoni e anche antisemiti. Elettori, attenti al M5S» Leggi tutto >
L’appello di Rampelli ai cittadini delle zone terremotate: «Andate a votare» (video) Leggi tutto > GLI ALTRI ARTICOLI PIU' LETTI Intensa attività dei medici militari italiani per la popolazione libanese
Il “ministro” grillino attacca la “Buona Scuola”». Ma l’aveva scritta lui con Renzi e Fedeli…
Trump: dazi su import di acciaio e alluminio per proteggere l’industria Usa

The 03/02/2018 Jihad Watch Daily Digest:

Please use this link to forward to a friend (we really appreciate it), do not use your email client to forward, as they may inadvertently unsubscribe you.
India: Muslims gang-rape girl after she refuses to convert to Islam
By Robert Spencer on Mar 01, 2018 01:19 pm

Imagine the justifiable international outcry if a mob of Christians gang-raped a Muslim girl for refusing to convert to Christianity. But that never happens. This, on the other hand, has plenty of precedents — here is one from Nigeria. Yet you won’t hear about this anywhere but here, because for the establishment media and the […]Read in browser »

Khamenei repeats: Israel “won’t be around in 25 years!”
By Robert Spencer on Mar 01, 2018 11:02 am

If Netanyahu said this about Iran, all hell would break loose, but no one will take any particular notice of this. Will the forces of freedom within Iran prevail against the Islamic Republic? Or will the Islamic Republic succeed in its oft-repeated vow to destroy the Jewish state? Will freedom have a new dawning in […]
Read in browser »

Nigeria: Muslims murder Christian woman’s baby, rape and impregnate her for refusing to convert to Islam
By Robert Spencer on Mar 01, 2018 10:41 am She told all this to Pope Francis, who called her a “martyr,” but of course said nothing about the belief system that led these men to torture her and murder her baby. That was no surprise. Last September, the Pope met in the Vatican with Dr. Muhammad bin Abdul Karim Al-Issa, the secretary general of […]
Read in browser »

Muslim cleric vows “Islamic rule over entire world. You will see change within 10 years – if you stay alive.”
By Robert Spencer on Mar 01, 2018 10:23 am Ten years? What a pessimist Maulana Mohammad Abdul Aziz is! With the social media giants already assiduously working to impose Sharia blasphemy restrictions, with eager and willing help from the Left and the establishment Right, and with the total stigmatization of the slightest resistance to jihad terror as “anti-Muslim,” it isn’t going to take nearly […]
Read in browser »

Video: Robert Spencer on the epidemic of fake “anti-Muslim hate crime”
By Robert Spencer on Mar 01, 2018 08:29 am With the hard-Left smear group the Southern Poverty Law Center policing videos for YouTube, I am not long for the YouTube world, but as they have bigger fish to fry, it will likely take them awhile to get to me, and so in the meantime, here is a new one: in it, I discuss a […]
Read in browser »

YouTube secretly using Southern Poverty Law Center to police videos
By Robert Spencer on Mar 01, 2018 08:08 am The Southern Poverty Law Center libels and defames those who are calling attention to the nature and magnitude of the jihad threat by lumping us in with the likes of the KKK and neo-Nazis. Then compounding that defamation is the fact that the establishment media uniformly acts as if the SPLC were an impartial and […]
Read in browser »

Indonesia: Two Christians flogged for playing children’s game that violates Islamic law
By Robert Spencer on Mar 01, 2018 07:50 am Muslim spokesmen in the U.S. constantly assure the public, in enunciating their opposition to anti-Sharia initiatives, that Sharia only applies to Muslims. This shows the reality. “Two Christians are flogged in Indonesia for playing a children’s game that violates Islamic law,” by Sara Malm, MailOnline, February 27, 2018 (thanks to Robert): Two Indonesian Christians were […]
Read in browser »

France starts formal investigation of Le Pen for tweeting Islamic State images
By Robert Spencer on Mar 01, 2018 07:41 am This is pure political persecution. Le Pen opposes the Islamic State, obviously, but the authorities who are beginning this investigation want to cover up the Islamic State’s atrocities, so as to keep the French public from opposing their policies of mass Muslim migration. By prosecuting Le Pen, they shift the focus from the Islamic State’s […]
Read in browser »

Toronto: Muslim teacher arrested for sex assault on 10-year-old boy
By Christine Douglass-Williams on Mar 01, 2018 07:06 am Toronto police arrested teacher Saleh Momla for sexually assaulting a 10-year-old boy at the Islamic Foundation of Toronto school. Although the sexual abuse of boys by men is found in every culture, what is unique about Islam is its harsh punishment of death for homosexuals while the abusive practice of Muslim men with boys is […]
Read in browser »

France finally admits: Elderly Jewish woman thrown off balcony by Muslim neighbor was anti-Semitic murder
By Christine Douglass-Williams on Mar 01, 2018 06:57 am Orthodox Jew Sarah Halimi, 65, was beaten to death by her Franco-Malian neighbour, 27-year-old Kobili Traoré, in April 2017. Neighbours said they heard Traoré shout “Allahu akbar”, Arabic for “God is Great”, before throwing Halimi’s body off a balcony. Yet France continued to cover up the stark motive of Islamic antisemitism. This sparked “global fury” […]
Read in browser »

Italian leader slams pro-migrant bishop: “The Gospel doesn’t say to welcome everyone”
By Christine Douglass-Williams on Mar 01, 2018 06:53 am The leader of Italy’s Lega party, Matteo Salvini, was “criticized for swearing an oath of loyalty to the Italian people on a bible, saying ‘in my Italy, immigration has rules.’” Salvini sai: “In my Italy, immigration has rules, numbers and limits, as in America and Canada. According to you, the Gospel says welcome anyone? With […]
Read in browser »

NYC: Three Muslim women awarded $60,000 each for having to remove hijab for mugshots
By Christine Douglass-Williams on Mar 01, 2018 06:37 am New York City will pay three Muslim women a total of $180,000 after they were forced to remove their hijabs while having police mugshots taken. Almost three years ago, the “NYPD changed their policies regarding religious head gear, meaning people were informed they had the choice to get their photo taken in a private room […]
Read in browser »



If you have problems visiting the Jihad Watch website, with the message "you are being redirected", this is caused by some JavaScript issue, please see here or maybe being censored here for directions on how to resolve, or any other technical problems. Grazie per le vostre preghiere e opere di bene Cari amici, Nei giorni scorsi abbiamo incontrato il caro Arcivescovo di Aleppo, Mons.Jenabart era a Roma per incontrare il Papa Fracesco con tutti i Vescovi del Sinodo Melchita Cattolico. Un incontro che abbiamo voluto perché volevamo ringraziare Mons.Jeanbart della grande occasione che lui ci ha dato di poter pregare insieme da molti paesi del mondo per lui, per la sua comunità cristiana di Aleppo e per la ricostruzione della Cattedrale della Madonna. Noi, tutti insieme, mai dimenticheremo cosa concretamente significa il rispetto della libertà religiosa, con i nostri occhi abbiamo visto e toccato l’immagine e la carne di un grande testimone della libertà e della fede cristiana perseguitata in Medio oriente. Perciò, quando ti invitiamo ad aiutarci perché il nostro lavoro per ‘Indice Globale per la Dignità Umana, desideriamo solo chiederti di proseguire nel tuo impegno, continuare nel tuo dono anche per i cristiani perseguitati, anche per Aleppo. SOSTIENI E DONA Mons.Jeanbart non solo ci ha accolto ma ci ha stupito. ”Sono io che vi ringrazio e ringrazio tutti gli amici e i donatori della Fondazione Novae Terrae, grazie per il dono finanziario che ci avete inviato ma soprattutto grazie della grande preghiera e del sostegno morale che ci avete infuso durante la vostra Novena della Immacolata. A noi servono i doni, servono i soldi per ricostruire la Cattedrale e le altre opere di primo aiuto per i cristiani, ma ci serve in ugual misura la preghiera che voi recitate per noi. Ci serve e vi siamo grati per l’impegno che avete nel promuovere la dignità umana e dunque la libertà religiosa per tutti”. A nome di tutti voi, abbiamo promesso di continuare nel nostro impegno, di proseguire quotidianamente nella promozione della libertà religiosa, di aiutare i cristiani di Aleppo e gli altri cristiani perseguitati, di fare tutto il possibile perché la nostra difesa della Dignità Umana faccia ‘breccia’ in tutto il mondo.

SOSTIENI E DONA

Noi ci siamo promessi fedeltà, reciproco aiuto nella preghiera e un ‘gemellaggio’ permanente con i cristiani di Aleppo, la comunità perseguitata e la Madonna di Aleppo. L’Arcivescovo ci aspetterà con piacere e noi potremo un giorno visitare la città di Aleppo e la sua comunità, la sua cattedrale e fermarci a pregare con voi e a nome di tutti sotto l'Immagine della Madonna e a lei affidare le nostre preoccupazioni e desideri.

La Novena di preparazione al Santo Triduo Pasquale, alla quale ti invitiamo a partecipare, segnerà il culmine del nostro impegno e della nostra memoria, dal 21 al 29 Marzo prossimi ti inviteremo ad un momento di preghiera comune con tutti gli amici di tutto il mondo, per non dimenticare e per unirci tutti nel difendere e promuovere la Dignità Umana e il rispetto per i cristiani perseguitati.

Death and destruction as Boko Haram launches fresh attacks in Cameroon March 1, 2018 Cameroon Boko Haram, Cameroon, Nigeria Boko Haram insurgents continue to carry out attacks outside the borders of Nigeria, where the group began. The Islamists recently attacked two villages in northern Cameroon, close to the north-eastern border with Nigeria, leaving one person dead and many homes destroyed by fire. The 23 February attack on Virkaza and . . . Read More

Algeria: two more churches closed, others threatened March 1, 2018 Algeria Aïn Turk, Algeria, Churches, Kabylie, Maghreb, North Africa, Oran, Proselytism, Protestant Church of Algeria, Religious freedom, Tizi Ouzou Local authorities in Algeria’s north-western city of Oran have closed two more churches amidst growing pressure on Christians in the Maghreb country. The two churches – L’Oratoire (The Oratory) in Oran’s city centre, and a village church in Layayda (about 40km from Oran) – were sealed off by police on . . . Read More

Iran: Christians held in notorious Evin Prison ‘will never be the same’ February 28, 2018 Iran Evin Prison, Hassan Rouhani, Iran, Maryam Rostampour, Marziyeh Amirizadeh, Naser Navard Gol-Tapeh There was hope among Iranian Christians that the mass protests earlier this year could effect change for them, but they continue to be harassed and imprisoned on spurious charges. An Iranian convert to Christianity, Naser Navard Gol-Tapeh, who recently lost his appeal against a 10-year sentence for “missionary activities”, was reportedly moved to . . . Read More

Malaysian Federal Court refuses four people their right to affirm Christian identity February 27, 2018 Malaysia Apostasy, Converts, Divorce, Islam, Kuching, Malaysia, Marriage, Religious freedom, Sarawak, Sharia Malaysia’s highest court dismissed an appeal today (27 February) against four appellants who wanted to be formally recognised as Christians. The five judges of the Malaysian Federal Court ruled that in matters of conversion away from Islam, it was necessary for them to consult the Islamic Sharia courts. The president . . . Read More

Pakistan blasphemy suspect says he jumped from fourth floor to escape forced sex act February 26, 2018 Pakistan Blasphemy, Facebook, Lahore, Pakistan, Patras Masih, Police, Sajid Masih, Torture A suspect in a blasphemy case in Lahore, Pakistan, claims he was tortured by police and jumped from a fourth floor window to avoid being forced by officers to perform oral sex on his cousin, who is also under investigation. Sajid Masih, 24, suffered multiple fractures after jumping on Friday, . . . Read More

Indonesia: Ahok’s appeal ‘last chance’ to clear name February 26, 2018 Indonesia Ahok, Blasphemy, Indonesia, Jakarta A first appeal hearing in the blasphemy case of the Christian former governor of Jakarta was held today (26 February) in what could prove his only chance to challenge the verdict. Basuki Tjahaja Purnama, better known as “Ahok”, has asked the Supreme Court for a review of the two-year prison . . . Read More

Dagestan church attacker linked to militant group, as unlikely hero emerges February 23, 2018 Russia Dagestan, Islamic State, Russia, Russian Orthodox Church Three people have been arrested in connection with the gun attack at a Russian Orthodox Church in Kizlyar, Dagestan, last Sunday (18 February), in which five people died and five others were injured. One of those arrested, Magometrasul Gadjiev, 19, studied at the same Muslim spiritual seminary as the attacker, . . . Read More

Amnesty: ‘Discrimination rife in all regions of the world … with deadly consequences’ February 23, 2018 International Boko Haram, Cuba, Fulani herdsmen, Human rights, Iran, Lakshan Dias, Marawi, Mashal Khan, Nadeem Masih, Nigeria, Pakistan, Philippines, Religious freedom, Sri Lanka A review of the human-rights situation in 159 countries during 2017, published by Amnesty International yesterday (22 February), shows that religious persecution continues in the form of threats, attacks, extrajudicial killings and even genocide, while harsh sentences continue to be handed out – sometimes even death sentences – for changing . . . Read More

Saudi Arabia is modernising, but will this mean greater freedom for religious minorities? February 23, 2018 Saudi Arabia Apostasy, Bibles, Churches, House churches, Iran, Islam, Islamic extremism, Minorities, Mohammad bin Salman, Muttawah, Religious freedom, Riyadh, Saudi Arabia, Sunni, Syria, Wahhabism, Yemen The political landscape in the strict Islamic Kingdom of Saudi Arabia is changing, and quickly. A charismatic crown prince seems determined to modernise his country and even speaks of a shift towards a more “moderate” Islam. But will the changes taking place in Saudi also ease the situation for members . . . Read More

Turkish state blocks election of a new Armenian Patriarch

February 22, 2018 Turkey Armenians, Binali Yildirim, Human rights, Istanbul, Minorities, Recep Tayyip Erdogan, Religious freedom, Turkey

For the sixth time since the founding of the Turkish Republic in 1923, the government of constitutionally “secular” Turkey has openly intervened in the selection of a new Armenian Patriarch to lead the nation’s largest Christian community. Now estimated at less than 40,000, Turkey’s Armenian community – located primarily in . . . Read More

Yara e il suo demonio Allah

https://sptnkne.ws/hu4c shalom love universal brotherhood   (סרטון מוסיקלי רשמי) https://he.kingdomsalvation.org/videos/for-whom-man-should-...